Giochi e giocattoli antichi: dall’Egitto all’antica Roma

i giochi e giocattoli antichi per bambini

È difficile risalire a una data o periodo esatto in cui collocare la “scoperta del gioco”. Giocare è un’attività tanto istintiva e spontanea che probabilmente è sempre esistita.

Oggi i bambini possono scegliere tra un’infinità di giochi e giocattoli, grazie poi ai vari dispositivi elettronici e a internet, l’esperienza di gioco è totalmente cambiata rispetto alle generazioni a cui appartengono i loro genitori e i loro nonni.

Ma se tornassimo ancora più indietro nel tempo, come si divertivano piccoli e grandi ai tempi dell’Antica Roma e dell’affascinante Antico Egitto?

I giochi antichi dell’Antica Roma

Grazie ai numerosi scavi archeologici, è oggi possibile conoscere come e con quali giochi e giocattoli i bambini romani si intrattenevano durante la loro infanzia.

Diversamente da quanto si possa credere, anche ai tempi dello storico Impero Romano i bimbi si divertivano in attività ludiche piuttosto simili a quelle con cui intere generazioni d’oggi son cresciute e stanno crescendo.

Il gioco del nascondino o del tiro alla fune, sono solo alcuni dei tanti esempi che potremmo considerare, in quest’articolo vogliamo però soffermarci su quelli che son stati i giochi più diffusi fra i bambini e i grandi romani.

Le Tabulae Lusoriae

i giochi e giocattoli per bambini dell'antica roma, giochi da tavolo dell'antica roma

Le Tabulae Lusoriae (tabelloni di gioco) possono essere comparate agli attuali giochi da tavola.

Ovviamente all’epoca dei romani non esistevano le tavolette di cartone o di plastica con cui comunemente giochiamo oggi, motivo per cui, le Tabulae Lusoriae venivano realizzate attraverso incisioni su pietra di schemi più o meno elaborati.

Non è difficile avventurarsi in giardini, parchi o monumenti romani (Basilica Iulia del Foro Romano) e trovare di queste incisioni sparse un po’ ovunque.

Questi giochi erano per lo più praticati in pubblico e in contesti sociali, da cui erano esclusi molto spesso i minori perché considerati dei veri e propri giochi d’azzardo.

Fra le varianti di gioco più diffuse vi era il gioco dei dadi o il gioco delle parole.

Il gioco delle noci

Uno dei giochi maggiormente diffusi in epoca romana è probabilmente quello delle noci, basato sulla concentrazione e sul senso di coordinamento. Questo particolare gioco può essere equiparato alle moderne biglie di vetro, solamente che all’epoca si utilizzavano le noci.
Andiamo a capire le regole di questo gioco!

Quando cominciava una partita si andava a costituire delle strutture triangolari con tre noci e si cercava di completare la piramide facendo cadere, da diverse altezze o punti, una quarta noce a completamento della piramide stessa.

Un’altra variante di questo gioco, era rappresentata dal lancio delle noci dentro un vasetto o anfora collocati a una certa distanza, nel tentativo di centrare l’obiettivo per concludere la partita!

Il gioco della mosca cieca

Ebbene sì, il gioco della mosca cieca era già conosciuto e giocato anche dagli antichi romani. Il gioco aveva poche regole e consisteva nel bendare un ragazzo e iniziare a farlo girare su se stesso, facendogli perdere il senso dell’orientamento.

Mentre il ragazzo ruotava, doveva ripetere ad alta voce la frase “andrò a caccia della mosca di bronzo”, i suoi amici invece gli dovevano rispondere “la cercherai ma non la prenderai”, dandogli contemporaneamente delle leggere spinte.

Il gioco si concludeva solamente nel momento in cui il giocatore bendato riusciva a catturare uno di loro che rappresentava, appunto, la mosca di bronzo.

Il gioco della trottola

Tra i giochi antichi che forse ancora in tanti conoscono o hanno conosciuto da bambini, è quello della trottola.

Si tratta di un piccolo giocattolo interamente realizzato in legno a cui viene avvolta una piccola corda o spago lungo buona parte della sua superficie.

Il giocatore, con forza e rapidità, deve liberare la trottola dalla fune affinché questa possa iniziare a roteare vorticosamente. Molto spesso, si dava inizio a delle vere e proprie “lotte” fra trottole in cui vinceva la partita solo quando smetteva di girare per ultima.

I giochi dell’Antico Egitto: i giochi egizi

Proprio come i romani, anche la società egiziana era particolarmente amante dei giochi, soprattutto dei giochi da tavolo. Grazie ai numerosi dipinti e ai diversi ritrovamenti nei siti archeologici egizi è possibile ricostruire e conoscere i giochi o giocattoli più diffusi nell’antico Egitto.

Senet

i giochi e giocattoli egizi per bambini, direttamente dall'antico Egitto giochi e giocattoli egiziani

Il Senet è stato il gioco più amato e diffuso nell’antico Egitto in tutte le classi sociali, tanto da avergli conferito anche un qualche significato religioso ed essere considerato un vero e proprio gioco “nazionale”.

Questa particolare tavoletta a forma rettangolare con diverse caselle era sostanzialmente un gioco di velocità fra due sfidanti, in cui ognuno dei due disponeva di 7 pedine di colore bianco o nero.

Lo scopo del gioco era quello di completare le 30 caselle del percorso, suddivise in 10 caselle per 3 file, in maniera sequenziale, cioè dalla 1 alla 10, dalla 11 alla 20 ed infine dalla 21 alla 30.

All’inizio del gioco, le pedine venivano disposte in modo alternato dalla casella 1 alla 10. Per muovere le pedine, i giocatori erano in possesso di 4 tessere con una faccia bianca ed una nera, in alternativa potevano utilizzare dei bastoncini.

Il gioco era però reso più difficile da alcune regole:

  • se una pedina capitava su una casella già occupata doveva retrocedere alla prima posizione libera;
  • se due o tre pedine dello stesso colore si trovavano in fila non potevano essere scavalcate da quelle dell’avversario;
  • se una pedina capitava nella casella 27 contrassegnata dal geroglifico “casa dell’acqua”, essa retrocedeva sino alla casella 1 o sulla successiva casella disponibile.

Il gioco del serpente – Mehen

Il gioco del serpente (Mehen) fa parte dei tanti giochi da tavolo diffusi nell’antico Egitto. È simile al moderno gioco dell’oca e il suo nome è dovuto al fatto che le caselle erano disposte secondo la forma di un serpente arrotolato.

Si giocava con dadi e pedine per poter ripercorrere tutto il percorso delle caselle ma, a differenza del Senet, non si hanno notizie o reperti sufficienti per ricostruire le regole esatte del gioco.

I giochi egiziani domestici

Oltre ai classici giochi da tavola, nell’antico Egitto erano molto diffusi anche altri piccoli e semplici giochi domestici. I bambini erano molto abili nella costruzione di giocattoli quali trottole, barchette, bambolotti e animali e mobiletti realizzati col fango.

I piccoli egiziani si divertivano a giocare a palla con dei palloni realizzati in papiro, tela o cuoio e riempiti con paglia o corde. Le bambine amavano dedicarsi al ballo, mentre i bambini si dilettavano in giochi di equilibrio, arrampicandosi o camminando sui tavoli.

Potrebbe interessarti