Perché cantare fa bene alla crescita dei bambini

Cantare è un’attività che i bambini generalmente amano. Per loro è un gioco, ma rappresenta anche un’occasione di crescita e di benessere. Altrettanto benefico è coinvolgere i bambini, sin da piccolissimi, in attività musicali: i ricercatori sostengono, per esempio, che sin dall’infanzia è fondamentale cantare filastrocche e canzoncine ai più piccoli.

Perché i bambini adorano cantare

Il canto è una delle attività più amate dai bambini: tutti sono attratti dal mondo dei suoni e della musica; alcuni, crescendo, svilupperanno addirittura un talento specifico, altri continueranno a godere del piacere delle loro canzoni preferite. Per tutti, però, la musica rappresenta una parte fondamentale dello sviluppo del cervello. Il canto, infatti, coinvolge la sfera del linguaggio ed è sicuramente di grande aiuto nello sviluppo generale dell’individuo. Con il canto si coinvolgono diverse parti del cervello, si migliorano le capacità emotive, per quello che riguarda per esempio il controllo della respirazione, maggiormente evidente se alla pratica del canto è affiancata una pratica strumentale o motoria semplice.

Quando poi il canto è di gruppo, oltre ad essere fonte di benessere individuale per l’aspetto conviviale, nello stare insieme attraverso la musica si impara ad uniformarsi a movimenti e regole comuni, a dare il proprio apporto in relazione ad un progetto comune. La musica, infatti, impone per natura ritmi precisi, e praticata alla lunga, diventa educativa, imponendone il rispetto di questi.

Attraverso il canto, tra l’altro, il bambino inizia a tracciare il proprio carattere, ad avere un’identità rappresentata a livello artistico, a non vergognarsi, ad aprirsi agli altri che lo ascoltano. Inoltre, la musica può avere effetti sulla sensibilità e l’intelligenza dei bambini e rappresentare uno strumento di prevenzione del bullismo: fare musica insieme, cantare insieme, genera una comunanza di intenti, una circolarità delle emozioni che contribuisce a contrastare la noia e la violenza: in altre parole, è un modo per educare bambini e bambine più tolleranti e collaborativi.

Quando la musica aiuta a far rilassare i bambini

La musica ha un potere rilassante, che si esprime anche attraverso le parole, sia prima che dopo la nascita; il piccolo impara a parlare ascoltando la lingua della mamma, la prima forma di “musica” con cui entra in contatto. Se poi la mamma intona canzoncine o filastrocche e lo incoraggia a collaborare, il legame affettivo con i genitori diventerà sempre più forte.

Dalla musica il bambino trae benessere e beneficio, e non è strano che alcuni neonati si calmino o si addormentino ascoltando dolci ninne nanne. Questa tendenza riguarda tutti i piccoli di qualunque parte del mondo: la musica è in grado di stimolare la creatività, l’apprendimento e tutte le capacità cognitive coinvolte.

I primi mille giorni di vita, secondo gli esperti, sono essenziali e preziosi per i neonati: il cervello è malleabile, attivo ed estremamente ricettivo; quindi, più viene stimolato, più gli effetti si vedranno nella crescita a lungo termine, e vale, ovviamente, per tutto quello che l’ascolto della musica comporta a livello di effetti su cervello e personalità. Numerosi altri studi scientifici hanno testimoniato, appunto, che la musica genera un incremento dello stato di attenzione, memoria, linguaggio e genera la cosiddetta intelligenza sociale. Ecco perché è sempre più diffuso che, insieme ai pediatri, ci siano educatori e musicisti a prendersi cura del bambino durante il loro sviluppo.

Alcuni giochi musicali per bambini

Con l’obiettivo di agevolare lo sviluppo di competenze diverse come l’interpretazione delle emozioni e della propria sensibilità, ma anche l’analisi del ritmo e dei suoni, Globo offre un ampio catalogo di giochi musicali per bambini. Tra questi, rientrano:

  • Apina Carillon Bee: un carillon appendibile a forma di dolce apina, con melodia integrata;
  • Bucky il Bruco Trainabile: simpatico gioco musicale ed educativo, da portare sempre con sé, per imparare le forme e i colori;
  • Carillon Amico Ninna Nanna: un carillon appendibile a forma di dolce orsetto, apina o piccola mucca appoggiato sulla luna;
  • Carrettino Forme e Musica in Legno: centro attività pensato per la prima infanzia, ideale per accompagnare i bimbi nella crescita e nello sviluppo del pensiero logico e sensoriale, con una cordicella che permetterà, inoltre, di portare il carrettino sempre con sé;
  • Cruscotto Brum Brum Multifunzione: piattaforma multifunzione con tanti tasti, luci e suoni per regalare un’esperienza interattiva e coinvolgente ai più piccoli;
  • Fiorellino Musicale per Seggiolone: un fiore da fissare al seggiolone, attraverso la pratica ventosa, che emetterà tante allegre melodie con una pressione del suo viso.