Come insegnare ai bambini a lavarsi da soli?

Insegnare ai bambini a lavarsi da soli implica la loro iniziazione ad un processo di crescita in autonomia, consentendo loro di entrare nell’ottica della personal care e acquisire i principi di un atteggiamento di decoro importante e socialmente utile: avere le mani, il viso i denti bel puliti, curare il proprio aspetto, essere ordinati e profumati ci consente di stare anche bene in società.

Il potere delle abitudini

Sfortunatamente, i bambini più piccoli non sentono quasi mai l’esigenza di lavarsi: al contrario, spesso si ribellano e fuggono dal momento della doccia o del bagno. Tuttavia, è importante abituarli all’importanza del mantenersi puliti, e trasmettere il valore della cura della persona al proprio bambino. Ai fini del processo di acquisizione di autonomia, in tal senso, è importante far capire bene al bambino che lavarsi e lavarsi da soli è un vero e proprio comportamento sociale.

La corretta igiene quotidiana è un’abitudine che deve entrare nella routine del bambino il più presto possibile: lavare le mani, il viso i denti, avere una corretta e regolare igiene intima, i piedi puliti e i capelli pettinati sono un complesso di azioni di cui il bambino magari inizialmente può non riconoscere e condividere l’importanza, ma di cui sicuramente apprende i benefici man mano che li percepisce fisicamente e socialmente, sperimentandoli in famiglia e a scuola, nel contatto con altri bambini piccoli e con nuovi adulti di riferimento.

Da cosa cominciare

Si consiglia di non sovraccaricare il bambino di attività nuove tutte insieme, poiché risulterebbe solo controproducente. L’insegnamento dell’igiene personale non può che cominciare dall’uso del rubinetto: innanzitutto, è necessario uno sgabello su cui il bambino potrà salire per raggiungere il lavandino e occuparsi dei primi step della routine di igiene personale: la pulizia di mani, viso e denti. Appena il bambino sarà sullo sgabello, si consiglia di spiegargli l’uso di acqua calda e fredda, mostrandogli come regolarla e i rischi del contatto con acqua troppo calda o troppo fredda. È utile, infine, mostrargli anche come toccare il getto d’acqua per controllare che la temperatura sia ideale, e assicurarsi che assimili questo passaggio come abitudine. Dopodiché, si dedica al bambino tutto il tempo necessario perché impari a lavarsi le mani, facendogli vedere anche più volte come si fa, lavando le nostre mani e facendogli ripetere da solo i nostri movimenti: è anche necessario far capire al piccolo l’importanza di lavare sempre le mani in determinate circostanze, ovvero prima di mangiare, rientrati a casa da un’uscita al parco o una passeggiata, dopo aver usato il bagno.

Insegnare al bambino a lavarsi il viso è altrettanto importante per completare la routine di personal care: elencandogli con cura tutte le parti che laviamo, gli si insegna anche l’anatomia del viso, in modo tale che il piccolo possa associare più facilmente i nomi delle parti del suo viso e impari anche a pronunciarle bene. Infine, lavarsi i denti sarà l’attività più difficile da insegnare e da imparare: ci vorrà del tempo perché il bambino impari a spazzolare bene i denti, perché l’atto richiede movimenti difficili da riprodurre e che richiederanno una consistente collaborazione in fase di apprendimento; si consiglia, infatti, di spazzolare i dentini del bambino a turno: facendolo iniziare da solo, poi aiutandolo, guidandogli la mano, poi facendolo proseguire da solo, e così via.

Dopodiché, una volta apprese le fondamenta dell’igiene personale, si potrà procedere col resto della routine, insegnandogli a lavarsi autonomamente da capo a piedi, pettinarsi e vestirsi.

Abituare i bambini all’autonomia

Abituare i bambini all’autonomia è finalizzato a consentirgli di acquisire le pratiche collegate allo svolgimento delle tipiche attività e situazioni dello stare con gli altri, comprese quelle relative all’igiene personale: lavarsi e avere un buon profumo e un bell’aspetto ci consente di stare bene con noi stessi e con chi ci circonda. È quindi, importante sottolineare al bambino quanto sia apprezzabile il suo aspetto pulito e ordinato, ricompensandolo dello sforzo che ha compiuto con dei complimenti, e valorizzare tale sforzo spiegandogli che lavarsi da solo lo rende grande, perché autonomo, e rispettoso verso gli altri e le regole sociali. 

Potrebbe interessarti