La mamma perfetta non esiste

La figura perfetta della mamma ideale è quella multitasking, che ha sotto controllo ogni situazione e che riesce ad organizzare perfettamente tutti gli impegni della giornata, sia i suoi che quelli di tutti i componenti della famiglia.

Le giornate ben organizzate però, per molte mamme sono solo un miraggio! Tra i mille impegni che si accavallano l’uno con l’altro spesso si rischia di allontanarsi e trascurare la cosa più importante: il rapporto sereno con il proprio partner e i propri figli. La perfezione esiste soltanto nella nostra fantasia e questo lo sostiene anche Kristine Carlson, autrice del libro “La mamma perfetta non esiste”. Ecco alcuni consigli per ritrovare l’armonia con la propria famiglia.

Perfezione, grande illusione

Mirare all’eccellenza non permette di abbassare mai la guardia e pensare a se stessi. Bisogna rinunciare a standard impossibili, accettando il fatto che le sconfitte esistono, fanno parte della vita e anzi, sono fondamentali per crescere e imparare.
Rinunciare alla perfezione non significa smettere di essere un modello per i propri figli: importante è far capire loro che la vita è fatta anche di errori e ostacoli da cui si può imparare molto, perché ricordiamo: nessuno è perfetto.

Spazio alle proprie passioni

Anche se il tempo è tiranno bisogna ritagliare dei momenti per se stessi e per ciò che si ama fare. Stare bene con se stessi migliorerà anche il rapporto familiare.
Essere mamma non è una passeggiata, richiede sempre mille attenzioni che spesso esauriscono le energie. Per riuscire al meglio in questo ruolo è necessario nutrire la propria anima. Attraverso una lettura, un’ora alla spa o in palestra, una cena con le amiche, l’arte, il cinema etc.: sono mille le attività che permettono di esprimersi e concedersi del tempo vitale.

Partner al primo posto

Trovare l’equilibrio tra il ruolo di genitore e quello di moglie o marito non è semplice. Ritagliare dei momenti romantici nel rapporto è una delle sfide più difficili da affrontare, ma non per questo bisogna rinunciare alla vita di coppia. La cosa migliore è nutrire l’amore e mostrare ai propri figli l’importanza dei sentimenti e del rispetto altrui.

Gioco di squadra

Se gli impegni e le cose da fare sono troppe, imparate a delegare, non dovete occuparvi di tutto voi da sole! La famiglia è come una squadra: ognuno ha il suo ruolo e non si riesce a vincere se non tutti giocano. Anche la mamma ha bisogno di staccare la testa e prendersi del tempo per sé.
A volte una baby sitter può aiutare davvero molto per concedersi del tempo per le proprie attività o semplicemente per staccare un’oretta dal proprio impegno di mamma.

Fuga rigenerante

Essere mamma significa essere sempre disponibile per i propri figli e per il proprio compagno. A volte però si sente l’esigenza di allontanarsi dalla realtà quotidiana e partire per un viaggio. Fuggire per uno o due giorni è il modo migliore per ritrovare una prospettiva più sana delle cose. Visitare una città in compagnia della sorella o raggiungere un’amica lontana può essere un buon motivo per portare la testa altrove e ricaricare le proprie batterie.
A volte si pensa che quando i bambini sono piccoli non si possa lasciarli da soli per troppo tempo. In realtà, se ci si organizza bene con il proprio compagno e con i propri familiari, nulla impedisce di partire per un weekend. Al rientro ci si sentirà rinvigorite e con tanta voglia di fare.

Potrebbe interessarti